Sharing is caring!

DICEMBRE 2008

 

L’Abruzzo crocevia della politica nazionale

 

Il d-day è arrivato. L’elezione “più lunga” consacrerà l’Abruzzo come il crocevia della politica nazionale. Alla periferia dell’impero, per usare il titolo di un libro di Umberto Eco, nella terra vergine cara a D’Annunzio, si svolge una battaglia dove sono in gioco molti destini: la verifica del consenso elettorale per il PDL, la leadership di Veltroni nel PD, la legittimazione del ruolo egemone di Di Pietro nel centrosinistra. Lo si capisce dal fatto che nei giorni passati i grandi leader nazionali – ma anche ministri, sottosegretari ed esponenti del governo ombra di Veltroni – hanno attraversato freneticamente l’Abruzzo  come se la disfida locale tra Chiodi e Costantini fosse diventato l’Armageddon della politica italiana.

Il sondaggio Digis diffuso ai primi di Novembre comunicava un vantaggio di Chiodi su Costantini di 7,5 punti. Sembrava che tutto dovesse svolgersi secondo copione (vittoria certa e poca attenzione nei palazzi romani alle vicende d’Abruzzo) se non fosse che eventi nazionali e locali si sono incrociati facendo dell’Abruzzo lo scenario di sfide ufficiali e notti dei lunghi coltelli.

 

 

I numeri che spiegano la crociata d’Abruzzo del Cavaliere

 

D’altro canto i sondaggi dell’istituto Crespi (www.crespiricerche.it) sulle intenzioni di voto nel mese di novembre a livello nazionale rivelano una flessione di 1,5 punti percentuali del PDL rispetto al mese precedente (anche se il Popolo della Libertà fa registrare comunque una crescita di consenso rispetto alle elezioni politiche), mentre sulla sponda PD lo stesso istituto segnala in novembre una ripresa lieve dei consensi (che comunque non riesce a riportare il PD ai livelli delle politiche), subito smentita da un recentissimo sondaggio dell’ISPO di Mannheimer che rivela un crollo del partito di Veltroni dal 30 al 27% con circa un milione di voti persi in due settimane a causa della questione morale. Sempre per l’ISPO il PDL rimane il primo partito al 39% mentre impressiona la crescita di Di Pietro che raggiunge quasi l’8% dei consensi. Ovviamente non vengono divulgati sondaggi ufficiali sulle elezioni abruzzesi ma voci di corridoio danno un Costantini in forte recupero sull’avversario, benché si abbia la sensazione che in Abruzzo PD e IDV facciano campagne “parallele” ma non “convergenti”: il valore aggiunto della campagna lunga di Costantini, se sommato alla crescita nazionale dell’IDV, comincia a preoccupare il PDL, perché in tal modo si vanifica il crollo di consensi per il PD. Se a ciò si aggiunge il rischio di un forte livello di astensione elettorale – che storicamente tende a penalizzare più il centrodestra che il centrosinistra – si comprende come fosse inevitabile una discesa in campo forte del Cavaliere in terra d’Abruzzo.

D’altronde Berlusconi sa che la comunicazione elettorale è determinante nella vittoria. Negli ultimi anni l’elettore medio è cambiato: ha smesso di essere “ideologizzato” e fortemente ancorato a un partito ed è divenuto un “elettore” volatile che probabilmente cambia schieramento in ogni tornata elettorale. Gli esperti parlano di “fedeltà leggera” dell’elettorato. Eccezion fatta per gli attivisti, i militanti di partito e i simpatizzanti, il resto dell’elettorato è potenzialmente ondivago, in grado di spostarsi con facilità da una polarità politica ad un’altra, senza traumi ideologici o morali; ma esso è anche quello potenzialmente più attaccabile dal virus dell’astensionismo. Ed è a questo punto che la comunicazione elettorale (in tutte le sue forme: dagli slogan agli spot ai grandi eventi) svolge il suo ruolo cruciale: quello di indurre anche l’elettore indeciso, ondivago, incerto, demotivato ad esprimere un consenso. Alcuni obietteranno che non si tratta sempre di un consenso razionale ai programmi, ma di una sorta di adesione emotiva, di pancia. Ma la comunicazione serve anche a questo: a far decidere emotivamente chi non vuol decidere razionalmente. Quindi, che piaccia o meno, i programmi da soli non bastano a vincere le elezioni. Servono immagini suggestive, slogan incisivi, spot persuasivi, eventi emotivamente coinvolgenti.

Berlusconi, che ha avuto il merito di esaltare il fattore comunicazione nella vita politica italiana, sa che la sua crociata d’Abruzzo era necessaria per ridurre il rischio dell’astensionismo e per orientare il voto degli indecisi.

Se il Cavaliere si interessa così tanto alle vicende elettorali d’Abruzzo, vuol dire che la posta in gioco è in alto: è vero, da un lato, che Costantini sembra guadagnare terreno su Chiodi e che quindi la presenza di Berlusconi è utile a rigenerare consenso, ma è innegabile che lo stesso Cavaliere vuole cavalcare la vittoria probabile di Chiodi (almeno alla luce dei sondaggi iniziali) e trasformarla in un test nazionale per il governo: occorre, in primo luogo, vendicare la sconfitta delle elezioni provinciali di Trento e, in secondo luogo, dare sia la spallata a Veltroni che contenere la probabile ascesa del suo vero avversario, cioè Antonio Di Pietro.

 

 

“No, we can’t”. Il PD tra crisi di leadership e questione morale

 

 

Nella visione dell’imperatore romano Costantino, accanto alla croce, compaiono miracolosamente le parole “In hoc signo vinces”. Passando dal sacro al profano, nel sogno del candidato Costantini  pare  che non ci sia alcun emissario del Partito Democratico che lo esorti a vincere in nome del Partito Democratico stesso. Costantini, come Coppi, sembra essere un uomo solo al comando, cui è affidata la titanica sfida di battere la corazzata Chiodi-Berlusconi. Il responso delle urne non lo condannerà anche in caso di sconfitta perché è indubbio che l’Italia dei Valori conseguirà un risultato soddisfacente. Del resto nella famiglia PD alcuni malignano che, se sconfitta deve essere, meglio che sia la sconfitta di Costantini contro Berlusconi.  Ma gli elettori hanno percepito il clima da separati in casa tra PD e IDV e ciò peserà sulle scelte finali di voto. La partita elettorale in Abruzzo deciderà i destini dell’attuale classe dirigente del PD nazionale. Ma è probabile che sia già in corso una notte dai lunghi coltelli nella quale alcune fronde del PD attendono i risultati di queste elezioni per poter uscire allo scoperto: chissà se qualche esponente del PD, avverso a Veltroni, a proposito delle elezioni abruzzesi, abbia sussurrato, in perfetto stile Obama, in merito alla necessità di impegnarsi allo stremo per la rimonta: “No, we can’t”.

 

Martedì, 16 Dicembre 2008

Lascia un commento